domenica 15 maggio 2016

Fagotti con ricotta e marmellata di pesche gluten free senza oli e burro

Eh,si ...è passato un po' di tempo durante cui ho mancato di proseguire l'aggiornamento del mio blog, ma rieccomi e se ricapiterà...perché ricapiterà sappiatelo... non datemi per dispersa. Semplicemente ci sono sempre momenti in cui uno arretra qualcosa per tanti motivi, ma poi si riprende da dove si era lasciato tutto.

Oggi voglio mostrarvi dei deliziosi fagotti gluten free ripieni di marmellata e per me la prima prova non poteva essere che con marmellata di pesche: la adoro, sopratutto quando sta per arrivare l'estate.
L'anno scorso non ne ho fatta e credo proprio che quest'estate ne farò un bel po'.

Per questi fagotti ho preso ispirazione dal video di Zero glutine 100%bontà la cui ricetta avevo provato e devo dire che non era niente male. Infatti ne avevo fatto dei piccoli cornetti ripieni sia di marmellata che crema di nocciole. Ricordo che avevo usato ricotta fresca vaccina invece che confezionata come suggerito nella ricetta originale. L'impasto mi era riuscito più morbido nonostante avessi dovto mettere un bel po' di ulteriore farina e le crepe non erano rimaste superficiali, nonostante avessi steso più spessa la sfoglia di quanto fatto adesso coi miei fagotti. Credo fosse dovuto appunto alla ricotta fresca vaccina. Anche il giorno dopo si manteneva più umido ma era squisito comunque. Di certo adatto se volete fare qualcosa di veloce da papparvi subito appena sfornato.

Volendola rifare ho però voluto  poi personalizzarla, provando con le farine gluten free che avevo a disposizione, ma aggiungendone alcune naturali quali di grano saraceno e di riso integrale.
La mia versione prevede anche meno zucchero e meno lievito e un cicinin in meno pure di ricotta, che nel mio caso è fresca e di pecora.
Vi suggerirei di provarle entrambe e vedere quale vi piace di più. Le trovo buone entrambe ma ovviamente preferisco le farine naturali e ci saranno pertanto altre versioni se mi riuscirà di farne altrettanto buoni con quasi tutte farine naturali.
Con queste dosi me ne sono riusciti 6 di circa 10x6cm. Ne ho fatto dei rettangoli abbastanza lunghi circa 20cm. Se volete potete anche farne quadrati, ma in tal caso dovrete tagliare la parte quadrata di sotto e una con cui coprire la prima, altrimenti fare un quadrato ripiegato su se stesso vi darà comunque un rettangolo.
Comunque tenete presente che  dipende da quanto stendete sottile la sfoglia e dalle farine che usate.
Vi do qualche indicazione ma regolatevi con la consistenza dell'impasto.
Le farine naturali non sono tutte uguali anche se di base fatte con lo stesso cereale, la resa cambia da marca a marca. E' una cosa che ho imparato avendo sperimentato un po' in questi mesi. Anche quando facevo la stessa ricetta con farine medesime di tipo ma differenti di marca, ottenevo prodotti non proprio uguali.

Passo alla ricetta
Fagotti con ricotta e marmellata di pesche gluten free

150 gr farina Mix It Schaer, 65 gr farina NutriSi, 35gr. farina di grano saraceno, circa 50 gr.farina di riso integrale più altri grammi per asciugare l'impasto quel tanto che serve a stenderlo in una sfoglia,
220 gr di ricotta fresca di pecora,1uovo, 100 gr di zucchero, 1/2 bustina di lievito.

Per prima cosa tiro fuori dal frigo la ricotta e la metto a scolare. Ho delle grate di plastica di quelle che si mettono sul fondo dei contenitori sotto alimenti freschi (carne,pesce ecc) ma vanno bene anche lo scolapasta o un grosso colino.
Intanto miscelo le farine tenendo da parte quella di riso integrale e aggiungo il lievito.
Poi unisco zucchero , uovo e ricotta e li verso al centro delle farine. Lavoro il tutto con una forchetta e poi con le mani aggiungendo la farina di riso integrale finché l'impasto è liscio, omogeneo e non appiccica più alle mani.
Deve restare morbido ma essere della consistenza adatta ad essere steso col matterello.
Se però non volete rischiare di renderlo troppo asciutto fermatevi prima con l' aggiunta di farina perché comunque potrete stenderlo fra due dischi di carta forno se proprio temete si appiccichi poi al matterello.
Quindi steso in una sfoglia sottile mezzo cm  ne ricavo delle lunghe strisce rettangolari.
Dispongo su metà lunghezza la marmellata ...ho dimenticato di fare la foto ma vi rendo subito l'idea con questa immagine dimostrativa:
Richiudo l'altra parte libera sulla marmellata e premo lungo tutti i bordi, tagliandone lungo tutto il perimetro di tre lati un filo d'impasto con la rotellina dentellata per sigillare.
Noterete che l'impasto è leggermente fragile e già durante questa operazione avrete un rettangolo con la superficie che si crepa.
Non temete perché non dovrebbe fuoriuscire nulla ...cioè posso dirvi che ho temuto io stessa, ma ho visto che erano crepe superficiali e in cottura neanche un fagotto ha lasciato fuoriuscire la marmellata.
Ho cotto per 15minuti a 170° tenendo la teglia a  metà altezza del forno e altri 5 minuti alzandola un po' e spostando il forno in modalità cottura solo sopra. Poi ho lasciato in forno con la porta socchiusa.
E voilà merenda del pomeriggio stesso e colazione del mattino seguente sono servite :